L’eredità geopolitica della grande guerra: le radici delle crisi di oggi nel mondo di ieri

 17 agosto 2015 - Lizzano in Belvedere 

Una serata che porta avanti il recupero degli studi sulla prima guerra mondiale, evento che per ragioni di geografia e di vicinità è stato oscurato dal secondo conflitto del secolo scorso, ma comunque sempre viva nella memoria delle nostre montagne per le storie di chi vi ha partecipato.

La prima guerra mondiale è invece molto più importante della seconda dal punto di vista storico, perché ha gettato le basi del mondo in cui viviamo specie se si considera l’Europa centro orientale e il Medio Oriente.

Nell’incontro dello scorso anno Federico Petroni aveva tracciato una introduzione generale alle considerazioni geopolitiche sulle eredità del crollo degli imperi centrali. Quest’anno si è invece concentrato sul Medio Oriente, cercando di sfatare alcuni miti troppo spesso associati agli accordi di spartizione e che solo si concentrano sui progetti coloniali delle potenze europee, allargando invece lo sguardo ai nodi irrisolti legati alla caduta dell’impero ottomano e alla successiva nascita di nuovi stati; nodi che sono alla base o che alimentano gran parte dei conflitti scoppiati nella regione molti dei quali tuttora in corso.

Da questa conferenza Federico Petroni ha tratto lo spunto per un articolo pubblicato sul numero di ottobre della rivista Limes.

http://www.limesonline.com/sommari-rivista/le-guerre-islamiche

http://www.limesonline.com/cartaceo/guerre-di-successione-ottomana

 

guerra successione ottomana

Galleria

back